Anitra Ripiena

Anitra Ripiena

Persone: nd

Regione di appartenenza: Veneto

Categoria della ricetta: Secondi a base di carne

Ingredienti:
una bella anitra di cortile da 2 chili, 300 gr di fegato di maiale, 50 gr di pancetta, una salsiccia grassa, 60 gr di olio, due panini imbevuti nel latte, un uovo, uno spicchio di aglio, una cipolla, aromi, rosmarino, un bicchiere di vino bianco, pepe, sale

Preparazione:
Pulire bene l'anitra, togliendo le zampe e la testa. Aprirla lungo il petto. Tritare finissimo il fegato dell'anitra, il fegato di maiale, aggiungere la salsiccia, parte dell'olio, i due panini imbevuti di latte, l'uovo, lo spicchio di aglio ben schiacciato, la cipolla tritata, gli aromi, salare e pepare. Impastare bene con le mani fino a raggiungere una omogeneità di impasto. Con questo impasto riempire l'interno dell'anitra, lardellare per dentro e per fuori, legarla e porla a cuocere in forno a temperatura non elevata. Periodicamente cospargerla del condimento che si forma, irrorarla di vino e proseguire la cottura per almeno due ore, lentamente. Eventualmente aggiungere qualche fiocco di burro. In passato, come condimento, veniva usato in tutte le Valli Grandi il grasso di oca oppure lo strutto di maiale. Quando la carne si staccherà veramente dalle ossa, servire bollente, con contorno di verze saltate e fettine di polenta abbrustolita sulla griglia. L'anitra rappresentava il piatto principale di ogni festività invernale ed era cura particolare delle massaie e delle contadine delle valli avere sempre nei fossi attorno a casa schiere di anitre, sempre pronte ad essere sacrificate al buon nome della cucina di casa.